Vai a sottomenu e altri contenuti

Matrimoni concordatari o altri culti ammessi dallo Stato

Il matrimonio religioso concordatario o acattolico può essere celebrato dal Parroco o dal Ministro di Culto dopo il rilascio da parte dell'Ufficiale di stato civile del certificato di avvenute pubblicazioni (nel caso di matrimonio cattolico) o dell'autorizzazione per la celebrazione del matrimonio al Ministro di Culto (nel caso di matrimonio acattolico).I nubendi che intendono contrarre matrimonio concordatario devono adempiere alle formalità che regolano i rapporti tra lo Stato Italiano e la Santa Sede, rivolgendosi al Parroco che ha la giurisdizione sul territorio in cui risiede almeno uno dei nubendi.
In base alla vigente normativa l'Ufficiale di stato civile provvede in alcuni casi, prima delle pubblicazioni a leggere ai nubendi gli artt. 143-144 e 147 del codice civile, ciò verrà dichiarato nella delega rilasciata per il suo inoltro al Ministro di Culto.

Requisiti

-----------

Costi

---------------

Documenti da presentare

I nubendi che intendono contrarre matrimonio concordatario devono adempiere alle formalità che regolano i rapporti tra lo Stato Italiano e la Santa Sede, rivolgendosi al Parroco che ha la giurisdizione sul territorio in cui risiede almeno uno dei nubendi.

Termini per la presentazione

Il Parroco predispone la richiesta di pubblicazione da farsi nella Casa Comunale.

Si eseguono le pubblicazioni, pubblicato tale atto decorsi i termini di legge l’Ufficiale di stato civile rilascia il certificato di eseguite pubblicazioni da inoltrare a cura dei nubendi al Parroco richiedente il quale concorderà la data della celebrazione con i Medesimi.

Il Ministro di Culto provvede a richiedere all’Ufficiale di stato civile l’autorizzazione alla celebrazione, che la rilascia in doppia copia ai nubendi, dopo aver eseguito le pubblicazioni.
Successivamente tale autorizzazione dovrà essere inoltrata, a cura del Ministro di Culto, insieme all’atto di matrimonio da trascrivere all’Ufficiale di Stato Civile entro 5 giorni dall’avvenuta celebrazione del matrimonio.
 

Incaricato

SERVIZI DEMOGRAFICI (ANAGRAFE, STATO CIVILE, ELETTORALE)

Tempi complessivi

-----------