Vai a sottomenu e altri contenuti

Assistenza domiciliare erogata mediante accreditamento

Il Servizio di Assistenza Domiciliare (di seguito indicato con l'acronimo SAD) è un complesso di interventi e di prestazioni, di carattere socio-assistenziale, forniti prevalentemente al domicilio di chiunque si trovi in condizioni di disagio/difficoltà e non sia in grado, anche temporaneamente, di garantire il pieno soddisfacimento delle esigenze personali e domestiche autonomamente. Le finalità del servizio sono salvaguardare l'autonomia e la permanenza all'interno della propria comunità di appartenenza, del proprio nucleo familiare o nella propria residenza abituale.

Il sistema di accreditamento garantisce al cittadino utente il diritto di partecipare alla formulazione del proprio progetto assistenziale e gli riconosce il diritto di scegliere direttamente il fornitore del servizio, fra coloro che sono iscritti nell'Albo e hanno stipulato il relativo Patto di accreditamento.

Requisiti

L’accesso al Servizio di Assistenza Domiciliare è consentito ai cittadini residenti nei 21 Comuni del Distretto Ghilarza-Bosa, sub ambito 1 o temporaneamente residenti, o stranieri, o immigrati o apolidi (purché regolarizzati in base alle vigenti disposizioni di legge). Nello specifico i destinatari del servizio sono: - i nuclei familiari in cui sono presenti persone con ridotto grado di autosufficienza fisica e psico-fisica, con scarsa capacità organizzativa nel governo della casa, in situazioni di solitudine e di isolamento psicologico, che hanno difficoltà a mantenere rapporti con il mondo esterno; - i nuclei familiari comprendenti minori a rischio di emarginazione in presenza di situazioni di grave disagio o di emergenza (difficoltà temporanea nella conduzione familiare, allontanamento dei genitori per cause di forza maggiore, periodi di ospedalizzazione degli stessi, ecc.); - persone con età superiore ai 65 anni che vivono da sole o in coppia, e che si trovano in condizione di isolamento, parzialmente o totalmente non-autosufficienti, prive o con ridotta rete familiare.

Costi

Il buono servizio erogato può prevedere delle quote a carico dei cittadini titolari dello stesso, tale quota viene calcolata in proporzione al valore dell’I.S.E.E. (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) del suo nucleo familiare, così come precisato nel documento allegato denominato Regolamento Sad.

Documenti da presentare

L'accesso al SAD avviene prioritariamente su richiesta dell'interessato al Comune di residenza. In particolari situazioni di disagio, la segnalazione può essere effettuata da parte dei familiari, dal medico di famiglia dell'assistito, dai servizi sociali e/o sanitari della zona e da chiunque sia a conoscenza della necessità di attivare il servizio.
La valutazione dell'ammissibilità deve anzitutto accertare l'esistenza di un bisogno socio-assistenziale derivante dalla difficoltà/disagio esistente, secondo quanto previsto dal presente regolamento.
Per accedere al servizio è necessario:
1. effettuare un colloquio con l'operatore sociale del Comune;
2. compilare l'apposito modulo di richiesta;
3. presentare la domanda all'ufficio dei Servizi sociali del Comune di residenza, con allegata la dichiarazione Isee, riferita all'intero nucleo familiare, in corso di validità.

Termini per la presentazione

Nessun termine

Incaricato

D.ssa Casula Barbara

Tempi complessivi

-

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Accreditamento Formato zip 1461 kb
Regolamento Sad Formato pdf 193 kb
Modulo di Domanda Formato doc 80 kb
Modulo Pai Formato doc 113 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto