Vai a sottomenu e altri contenuti

Assegno di maternità

E' un assegno che la madre non lavoratrice può chiedere al proprio Comune di residenza per la nascita del figlio oppure per l'adozione o l'affidamento preadottivo di un minore di età non superiore ai 6 anni (o ai 18 anni in caso di adozioni o affidamenti internazionali).
La madre lavoratrice può chiedere l'assegno se non ha diritto all'indennità di maternità dell'Inps oppure alla retribuzione per il periodo di maternità. Se l'importo dell'indennità o della retribuzione è inferiore all'importo dell'assegno, la madre lavoratrice può chiedere l'assegno in misura ridotta.

Requisiti

Possono fare domanda di assegno di maternità: - Cittadine italiane o comunitarie residenti in Italia al momento del parto o ingresso in famiglia del minore adottato/affidato; - Cittadine non comunitarie, residenti in Italia al momento del parto o ingresso in famiglia del minore adottato/affidato, in possesso di carta di soggiorno o permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Il figlio di cittadina non comunitaria nato all’estero deve essere in possesso dello stesso titolo di soggiorno della madre. In alcuni casi particolari, se la madre non può richiedere l’assegno, il beneficio può essere richiesto, a seconda dei casi, dal padre del bambino, dal genitore della madre, dall’adottante, dall’affidatario preadottivo o dall’affidatario non preadottivo. L’assegno di maternità spetta a condizione che i redditi ed i patrimoni posseduti dal nucleo familiare della madre al momento della data della domanda di assegno non superino il valore dell’Indicatore della Situazione Economica (ISE) applicabile alla data di nascita del figlio (ovvero di ingresso del minore nella famiglia adottiva o affidataria). Ai fini della dichiarazione ISE è comunque p

Costi

L'assegno è di importo complessivo pari ad euro 1.545,55 in caso di madre non è lavoratrice. In caso di madre lavoratrice, l’assegno viene pagato per intero se durante il periodo di maternità non spetta l’indennità di maternità dell’Inps oppure la retribuzione; se l’indennità di maternità dell’Inps oppure la retribuzione sono di importo superiore rispetto all’importo dell’assegno, l’assegno viene pagato per la differenza (c.d. quota differenziale). L’assegno spetta per ogni figlio; quindi, in caso di parto gemellare oppure di adozione o affidamento di più minori, l’importo è moltiplicato per il numero dei nati o adottati/affidati.

Normativa

Articolo n. 66 della Legge 448/98 e successive modifiche

Documenti da presentare

- Domanda compilata e sottoscritta dalla madre del minore.

- Dichiarazione Isee riferita all'intero nucleo familiare, con redditi aggiornati all'ultima dichiarazione dei redditi valida.

- Codice Iban del sottoscrittore della domanda.

Termini per la presentazione

La domanda deve essere presentata al proprio Comune di residenza necessariamente entro sei mesi dalla nascita del figlio o dall’ingresso in famiglia del minore adottato/affidato.

Incaricato

Dssa Casula Barbara

Tempi complessivi

-

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Modulo di Domanda_assegno maternità Formato pdf 179 kb
importi aggiornati 2014 Formato pdf 20 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto